INTERNI. The Magazine of Interiors and Contemporary Design

Now Reading:
BISAZZA
Archivio: Miami 2015
Tag:

BISAZZA

Mercoledì 2 Dicembre ore 18.00
In situ: Working in the continuous city
Allan Shulman - Shulman + Associates
Data Pubblicazione: 25 November 2015

Fondata nel 1956 da Renato Bisazza ad Alte (Vicenza), oggi è un’impresa all’avanguardia, caratterizzata da dinamismo imprenditoriale, utilizzo di moderne tecnologie e attenzione alle evoluzioni del mercato, collaborazioni con architetti e designer di fama internazionale.

L’azienda conta oggi sette spazi monomarca a Barcellona, Londra, Los Angeles, Miami, Milano, Parigi e New York e una rete distributiva in tutto il mondo pari a 2800 punti vendita.

Bisazza Miami Flagship Store è situato nella zona del Design District all’interno di un imponente edificio e distribuito su una superficie di 400 mq.

Ampio e luminoso, si presta perfettamente per l’esposizione delle Collezioni Bisazza Mosaico e Bisazza Home, la linea di mobili e complementi d’arredo firmata da alcuni dei più importanti designer a livello internazionale tra cui: Andrée Putman, Jaime Hayon, Marcel Wanders, Patricia Urquiola.

Autore del progetto dello spazio di Miami, è l’architetto Carlo Dal Bianco, direttore del Bisazza Design Studio, che ha firmato, in questi anni, tutti i Bisazza flagship stores situati nelle principali capitali del mondo.

Bisazza 3740 Northeast 2nd Avenue Design District Miami 33137

 

Bisazza-logo

Now Reading:
ALLAN SHULMAN SHULMAN+ASSOCIATES
Archivio: Miami 2015
Tag:

ALLAN SHULMAN SHULMAN+ASSOCIATES

In situ: Working in the continuous city
Allan Shulman - Shulman + Associates
Mercoledì 2 Dicembre ore 18.00
Bisazza 3740 Northeast 2nd Av. - Design District - Miami 33137
Data Pubblicazione: 25 November 2015

Allan Shulman (FAIA) è professore associato presso l’University of Miami School of Architecture ed è autore, editore, conferenziere, curatore e architetto. Ha fondato la Shulman + Associates (S+A) nel 1996, società che si prefigge lo scopo di creare progetti site-specific basati sulla ricerca multidisciplinare, l’esplorazione delle idee e la promozione di relazioni forti e che vede la città, il paesaggio, la cultura e i programmi edilizi come laboratori per uno studio di design contemporaneo.

La ricerca si concentra sui temi del modernismo, della tropicalità e dell’urbanistica. I progetti della S+A sono stati ampiamente pubblicati e insigniti di più di 70 premi di design. Una mostra delle opere della S+A aprirà i battenti il 1° dicembre a Downtown Miami presso la Meetinghouse Gallery.

I progetti di Shulman comprendono opere costruite e non, esplorano tutta una gamma di strategie, in particolare l’estrapolazione dell’analisi tipologica e cartografica per inserire i progetti nel loro tessuto circostante. Le facciate sono considerate come opportunità semantiche, che creano alter ego nell’ambiente circostante. Il lavoro dello studio aspira alla successione, al prolungamento, alla stratificazione,al sequenziamento e all’assemblaggio. Dichiara il desiderio di creare in una città continua.

Previous Next
Now Reading:
INTERNI ART DESIGN MIAMI
Archivio: Miami 2015
Tag:

INTERNI ART DESIGN MIAMI

Data Pubblicazione: 25 November 2015

SCARICA LA CARTELLA STAMPA

 

Una serie di appuntamenti con i protagonisti del progetto di architettura e di design internazionale presso alcuni Flagship Store delle eccellenze del made in Italy a Miami in occasione di Design Miami e dei cento anni di Miami Beach.

Terzo appuntamento internazionale 2015 di What is Best – Who is Next.

Interni, magazine del design e dell’architettura contemporanea, da oltre sessant’anni portavoce della creatività italiana nel mondo, presenta Interni Art Design Miami: un ciclo di incontri dal 2 al 5 dicembre 2015 che mette a confronto, in un dibattito aperto, la progettualità internazionale e l’impresa made in Italy in collaborazione con il Salone del Mobile.Milano, la più importante fiera internazionale dell’arredamento e del design, e ITA-Italian Trading Agency.

Dopo le edizioni di New York (maggio 2015) e Londra (settembre 2015), Interni diventa protagonista di un dibattito che invita alcuni tra gli architetti più rappresentativi della scena internazionale, a confrontarsi con gli imprenditori e i talent scout del made in Italy e discutere sul rapporto tra creatività, architettura e design, tra progetto industriale e tailor-made, raccontando la loro filosofia progettuale a confronto con il sapere e la storia del design italiano.

Protagonista delle conferenze, il design inteso come linguaggio universale del vivere e dell’abitare contemporaneo. Gilda Bojardi, direttore di Interni, dichiara: “Il confine tra le arti è sempre più aperto e flessibile: e la reprocità tra creatività autoriale e serialità industriale, cifra stilistica di questo periodo storico, genera un dibattito teorico e culturale che coinvolge il mondo dell’arte, quello del design e dell’architettura. Fare design a tutto campo significa comunicare in modo creativo in tutti gli ambiti e Miami, con le attività culturali, le sue architetture e i cantieri dei grandi studi internazionali di architettura è la dimostrazione a cielo aperto di questo scenario”.

Il calendario prevede quattro incontri:

Mercoledì 2 dicembre

ore 12.00 Bernardo Fort-Brescia, Arquitectonica, dialoga con Gilda Bojardi, direttore responsabile di Interni, c/o Scavolini Store Miami 2600 Ponce de Leon Blvd. – Coral Gables – Florida 33134

ore 18.00 Allan Shulman, Shulman + Associates, c/o Bisazza 3740 Northeast 2nd Av. – Design District – Miami 33137

Venerdì 4 dicembre

ore 18.00 con Carlo Ratti, Carlo Ratti Associati, c/o Anima Domus + Clei 5084 Biscayne Blvd. / Suite 102 – MiMo District – Miami 33137

Sabato 5 dicembre

ore 18.00 con Jacqueline e Carlos Touzet, Touzet Studio, c/o Calligaris 3915 Biscayne Boulevard/Suite 103 – Design District – Miami 33137

Al termine di ogni appuntamento sarà offerto un aperitivo a base di prodotti tipici italiani.

Si ringrazia per la collaborazione: Aceto Balsamico Due Vittorie, Bauli, Consorzio di Tutela della DOC Prosecco, Nonino Distillatori, Peroni Nastro Azzurro, Alici e Tonno Rizzoli Emanuelli, S.Pellegrino, e I Love Italian Food

 

Salone

Il Salone del Mobile nasce nel 1961 per promuovere le esportazioni italiane di mobili e dei suoi complementi divenendo presto il punto di riferimento internazionale del settore arredo-casa dove idee, design, tecnologia, innovazione e qualità si incontrano nel segno di una creatività senza confronti.

Testimone della sua internazionalità l’edizione dei Saloni WorldWide Moscow, che si tiene ogni anno a ottobre a Mosca attraendo operatori non solo russi ma provenienti dalle Regions, dai Paesi delle ex repubbliche sovietiche e da quelli baltici. Le due manifestazioni – con un selezionato numero di aziende espositrici rappresentative dell’eccellenza italiana – sono la vetrina a livello mondiale del made in Italy, espressione fra le più alte della cultura italiana. Il prodotto d’arredo italiano di qualità negli anni è passato dal suo stato di oggetto funzionale a vero e proprio oggetto del desiderio grazie a un processoindustriale e culturale che coniuga artigianalità, innovazione, creatività e originalità, conosciuto nel mondo come made in Italy.

La 54a edizione del Salone del Mobile.Milano – andata in scena lo scorso aprile a Fiera Milano, Rho – si conferma nuovamente l’appuntamento mondiale da non perdere, con una presenza di operatori esteri pari al 69%. 310.840 i visitatori che hanno affollato i 20 padiglioni con oltre 2.000 espositori e i 700 giovani del SaloneSatellite.

Protagoniste la qualità dell’offerta merceologica, ma anche l’eccellenza degli espositori e la varietà dei visitatori; architetti, designer, buyer, facility manager, distributori e giornalisti di tutto il mondo hanno visitato il Salone attratti dalle novità dei prodotti e da ciò che farà tendenza.

Oltre al Salone Internazionale del Mobile e al Salone Internazionale del Complemento d’Arredo – che hanno accolto 1.504 espositori su un’area espositiva di 152.200 metri quadrati – Euroluce, con i suoi 475 espositori, ha presentato le migliori proposte illuminotecniche. Collocata di fronte a Euroluce, in un percorso ideale che collega il mondo della progettazione della luce agli ambienti di lavoro, l’altra biennale degli anni dispari: Workplace3.0 – il nuovo SaloneUfficio. Un concept originale che ha saputo rinnovare con successo la proposta dedicata agli ambienti di lavoro, riunendo – con i suoi 127 espositori – il meglio del design e della tecnologia per ufficio.

Un importante evento multimediale – IN ITALY – ha arricchito l’offerta del Salone. Protagoniste 64 aziende italiane che si sono presentate in un filmato, divenuto installazione e poi App interattiva, scaricabile al link http://fipad.lynxitalia.it/InItaly/download.aspx, per promuovere l’Italian lifestyle e scoprire la qualità del made in Italy.

Immancabile il SaloneSatellite che, alla sua 18a edizione, ha ospitato 700 giovani designer e che, con il SaloneSatellite Award, ha premiato la miglior creatività under-35.

Prossimi appuntamenti:

– dal 12 al 17 aprile 2016 a Milano con Salone del Mobile.Milano e con le biennali EuroCucina e Salone Internazionale del Bagno

Previous Next

ITA

Now Reading:
CARLO RATTI – CARLO RATTI ASSOCIATI
Archivio: Miami 2015
Tag:

CARLO RATTI – CARLO RATTI ASSOCIATI

Senseable Cities
Carlo Ratti – Carlo Ratti Associati
Venerdì 4 Dicembre - ore 18.00
Anima Domus + Clei 5084 Biscayne B.rd / Suite 102 MiMo District Miami 33137
Data Pubblicazione: 25 November 2015

Architetto e ingegnere di formazione, Carlo Ratti esercita la professione in Italia e insegna al MIT, dove dirige il Senseable City Lab, un gruppo di ricerca che studia come le nuove tecnologie stiano cambiando il nostro modo di concepire il design e, in ultima analisi, la vita nelle città.

E’ anche socio fondatore dello studio di design internazionale Carlo Ratti Associati, che ha creato nel 2004 a Torino. Ratti è coautore di oltre 250 pubblicazioni e detiene diversi brevetti. Le sue opere sono state esposte in tutto il mondo, tra cui la Biennale di Venezia, il MoMA di New York e il MAXXI a Roma.

Blueprint Magazine lo ha incluso nella sua lista delle “25 persone che cambieranno il mondo del design” mentre per Wired Magazine rientra nella “Smart List 2012 delle 50 persone che cambieranno il mondo”. E’ curatore dell’area tematica Future Food District di Expo Milano 2015.

Il crescente sviluppo dei sensori e dei dispositivi elettronici portatili consente un nuovo approccio allo studio dell’ambiente costruito. Il nostro modo di descrivere e concepire le città si sta trasformando radicalmente insieme agli strumenti che utilizziamo per progettarle e per avere un impatto sulla loro struttura fisica. Il contributo del professor Carlo Ratti affronterà queste tematiche da un punto di vista critico attraverso i progetti del Senseable City Laboratory, un’iniziativa di ricerca portata avanti presso il MIT (Massachusetts Institute of Technology) e dallo studio Carlo Ratti Associati.

 

Previous Next