INTERNI. The Magazine of Interiors and Contemporary Design

Now Reading:
ArchichefNight 2018 | Milano
Archivio: Agenda

ArchichefNight 2018 | Milano

Trattoria Trombetta - Largo Bellintani 1 - Milano
28 febbraio - ore 20.30
Data Pubblicazione: 26 February 2018

Torna a Milano Archichef Night per l’edizione 2018, cena evento itinerante, in Italia e all’estero, che a ogni tappa mette dietro ai fornelli cinque studi di architettura sempre differenti in ristoranti e bistrot prestigiosi.

Per questo primo appuntamento gli studi partecipanti sono Brizzi+Riefenstahl Studio _ Antonio Brizzi e Babette Riefenstahl, Matteo Fantoni Studio, Paloma Architects, Paolo Giachi Architetto, Studio Clerici Tutucci.

La serata milanese si tiene presso la Trattoria Trombetta, ambiente informale con un atmosfera elegante che utilizza materie prime di stagione per offrire piatti della tradizione con un pizzico di estro.

La creatività e l’estro culinario incontrano così la progettazione architettonica. Ogni studio è chiamato a selezionare la propria ricetta preferita o quella in grado di descrivere al meglio i tratti peculiari del suo lavoro.

Il format è stato ideato da Towant. La partecipazione alla serata è su prenotazione, fino a esaurimento posti. Per informazioni e prenotazioni: staff@towant.it – tel. 0571/1614943.

Previous Next
Now Reading:
Pinocchio esce dalla Fiaba
Archivio: Agenda

Pinocchio esce dalla Fiaba

Istituto Italiano di Cultura Berlino, Hildebrandstraße 2, Berlino-Tiergarten
Dal 28 febbraio al 16 maggio 2018 - Mostra fotografica di Aldo Fallai a cura di Luigi Salvioli
Data Pubblicazione: 26 February 2018

La mostra fotografica presso presso l’Istituto Italiano di Cultura Berlino è dedicata a uno dei personaggi più rappresentativi della cultura Toscana, ritratto nelle belle fotografie di Aldo Fallai.

Nei 32 scatti realizzati nei luoghi del racconto, tra la Svizzera Pesciatina e Collodi, si rileva un taglio stilistico teso a sottolineare e attualizzare la natura iconica di Pinocchio, nato nel 1881 dalla fantasia di Carlo Lorenzini. Le fotografie mantengono, in ogni caso, un’atmosfera di sospensione temporale da ‘fiaba contemporanea’.

Il burattino di legno che diventa bambino – riportato nei luoghi descritti nelle pagine di Collodi – diventa così simbolo dell’eccellenza artigiana toscana capace di rendere ‘cosa viva’ la materia inanimata e veicolo per una promozione raffinata della Toscana: territorio unico al mondo per storia, arte, bellezza, paesaggi e lifestyle.

In collaborazione con la Regione Toscana, Toscana Promozione Turistica  

Orario di apertura: lun / mar e ven, 10.00 / 14.00; mer / gio, 10.00 / 16.00 e durante gli eventi serali.

Previous Next
Now Reading:
Tutti i volti di un’icona
Archivio: Agenda

Tutti i volti di un’icona

In occasione dei suoi primi 50 anni, Cobra (disegnata da Elio Martinelli per Martinelli Luce) si rifà il look: oltre che nella versione rossa, la lampada si veste di una serie di texture create ad hoc da alcuni designer e presentate alla Triennale di Milano a partire dal 27 febbraio 2018
Data Pubblicazione: 23 February 2018

Per celebrare i 50 anni di Cobra, ho pensato prima di tutto a un nuovo colore, il rosso: brillante, simbolo di fuoco, battaglia, forza, luce, che ne esprimesse la forte personalità. In passato, negli anni Settanta, Cobra era già stata proposta in tinte vivaci come giallo, arancio e ancora rosso. Quindi questo è stato quasi un revival per ricordare un prodotto ancora in catalogo e più che mai attuale”.

Così Emiliana Martinelli (figlia di Elio, presidente di Martinelli Luce e anima creativa del marchio) introduce le iniziative dedicate ai festeggiamenti di un’icona del design italiano, progettata e prodotta nel 1968: una lampada da tavolo avveniristica, originariamente creata nelle versioni bianca e nera, così in anticipo sui tempi da risultare spiazzante per l’epoca, e ancora oggi talmente attuale da essere presente all’interno di produzioni cinematografiche internazionali, sia del passato sia contemporanee.

Con il suo perfetto equilibrio tra design innovativo e rigore formale, Cobra è formata da due corpi stampati in resina termoindurente: la parte inferiore ruota sulla base sottostante in acciaio, ed è collegata a quella superiore da un giunto centrale che permette la rotazione di 360°. Un oggetto racchiuso in una sfera, dove il movimento rotatorio del riflettore intorno allo snodo centrale permette di descrivere sfere sempre nuove.

Tornando all’anniversario, Emiliana Martinelli ha voluto rendere omaggio al padre Elio invitando una serie di designer che collaborano con l’azienda e alcuni amici a essa vicini – tra i quali, Luisa Bocchietto, Michel Boucquillon, Alessandro Guerriero, Alessandro Mendini, Angelo Micheli, Paola Navone, Karim Rashid, Marc Sadler, Brian Sironi e lei stessa – a rivisitare la Cobra attraverso una texture grafica realizzata ad hoc da applicare sulla lampada.

Ogni progetto-texture è prodotto in trenta esemplari, più tre prove d’autore, firmati e numerati. Queste rivisitazioni d’artista faranno parte di un percorso espositivo che inaugura il 27 febbraio alla Triennale di Milano, dove sono state presentate sia la versione rossa, sia quelle rivestite dalle inedite texture. (Andrea Pirruccio)

Previous Next
Now Reading:
Other Size Gallery
Archivio: Agenda

Other Size Gallery

Apre a Milano, in via Andrea Maffei 1, un nuovo spazio espositivo con la mostra Babel di Christian Leperino - 23 febbraio / 22 aprile 2018
Data Pubblicazione: 23 February 2018

Nasce Other Size Gallery che apre al pubblico con una mostra personale di Christian Leperino dal titolo Babel. Lo spazio espositivo si colloca all’interno del concept Workness che coniuga bistrot, angolo bar-libreria dove ascoltare anche musica dal vivo e tanta arte contemporanea.

Con la curatela di Maria Savarese, Other Size Gallery è uno spazio in cui la cultura contemporanea si esprime attraverso le molteplici espressioni dell’arte, dalla performance alla pittura, dalla scultura alla fotografia.

In mostra, dipinti e carte dialogano con alcune sculture, realizzate per questa occasione, caratterizzate da un forte sviluppo verticale e da un’accentuata sintesi formale: “torri-città” che s’inerpicano verso l’alto e sulle quali proliferano le sagome scarnificate di alti edifici, strade, cavalcavia, cisterne.

Previous Next