INTERNI. The Magazine of Interiors and Contemporary Design

Now Reading:
Design a 30.000 piedi
Archivio: People

Design a 30.000 piedi

Alessi for Delta
Data Pubblicazione: 13 April 2017

Nell’ambito di una strategia di rinnovamento attenta a tutti i dettagli del comfort, Delta Air Lines, tra le più importanti compagnie aeree americane, ha scelto il made in Italy firmato Alessi per ridisegnare la linea di prodotti destinati al servizio di bordo.

 

Alessi for Delta è una gamma di oggetti ispirati ai concept originali dei designer Ronan&Erwan Bouroullec, Patricia Urquiola, Fratelli Campana, Stefano Giovannoni, Miriam Mirri e Kristiina Lassus.

 

La collezione viene impiegata sui voli Delta dal 1° aprile nelle cabine Delta One e First Class e, da fine 2017, in Delta Premium Select.

 

Quando si progetta per una compagnia aerea, ci sono numerosi aspetti da considerare, tutti ugualmente importanti, la sfida maggiore è stata trovare il giusto equilibrio tra design e funzionalità
garantendo al contempo la sicurezza a bordoAlberto Alessi – Presidente di Alessi.

 

Previous Next
Now Reading:
Conti Guest House
Archivio: People

Conti Guest House

Una nuova ospitalità arriva a Milano

Progetto dell'architetto Nicola Gisonda
Data Pubblicazione: 12 April 2017

Nella città simbolo del design, apre un’elegante Conti Guest House dallo stile urban chic.

Per il progetto di restauro, progettazione ed interior design è stato scelto l’architetto Nicola Gisonda che, attraverso scelte mirate, ha permesso alla struttura di essere in perfetta sintonia con le esigenze di una clientela cosmopolita che viaggia per lavoro, turismo, ecc.

 

La volontà della proprietà, da cui la struttura prende il nome, è quella di promuovere la guest house come ‘residenza’ di lusso, un luogo che fa sentire l’ospite come a casa e gli permette di vivere/lavorare, durante il soggiorno, in un’atmosfera rilassata e familiare.

L’ospitalità fornita ruota intorno al concetto di eleganza degli ambienti e ad un’accoglienza meno formale rispetto alle grandi strutture, pur donando grande attenzione a tutti i dettagli.

 

Situato a ridosso del centro città, in un tranquillo quartiere residenziale costruito nei primi del Novecento, seguendo la concezione degli english village, Conti Guest House è stata realizzata all’interno di una palazzina sviluppata su tre piani.

La chiave interpretativa del progetto segue la volontà di un cambiamento dei luoghi ma senza snaturare l’identità morfologica preesistente.

 

Le camere, tutte dotate di bagno privato interno, si suddividono in quattro matrimoniali e due singole, per un totale di dieci ospiti.

Filo conduttore cromatico è costituito dal nero e dal grigio declinati costantemente su materiali diversi.

A caratterizzare le camere, un design contemporaneo che punta allo studio dei volumi e alla conformazione degli ambienti valorizzando comfort e funzionalità.

Nulla è lasciato al caso e anche i complementi di arredo sono pezzi unici disegnati su misura che valorizzano l’artigianalità dell’autentico made in Italy.

Inoltre, la presenza di materiali naturali, come legno e marmo, accanto ad un attento studio dei colori, rendono gli ambienti caldi ed accoglienti, dalle atmosfere rilassanti, ideali dopo una giornata nella dinamica Milano.

 

Per ampliare il concetto di ospitalità della struttura è stata ideata una zona living attrezzata con cucina e accessibile in ogni momento della giornata, che rende lo spazio funzionale a momenti di incontro.

Per rilassarsi, invece, è stato pensato un dehor e un giardino privato che rendono quest’area una piacevole oasi di pace.

 

Volendo essere un luogo vivo da abitare, Conti Guest House offre una vasta gamma di servizi.

 

 

Previous Next
Now Reading:
Letti di successo
Archivio: People

Letti di successo

Noctis chiude il 2016 a + 6,2%
Data Pubblicazione: 12 April 2017

Noctis - affermata realtà con oltre 25 anni di storia e ricerca nel settore dei letti imbottiti 100% made in Italy – conta una produzione straordinaria con oltre 600 letti tessili al giorno, registrando una crescita costante, con un fatturato che nel 2016 ha superato i 23 milioni di euro.

La passione, la tenacia e le capacità imprenditoriali di Piero Priori, presidente e fondatore dell’azienda, unite alla collaborazione dei figli Mattia e Caterina, hanno permesso di chiudere lo scorso anno con un +6,2% sul fatturato, confermando ancora una volta il trend positivo che la contraddistingue: dal 2012 ad oggi Noctis è riuscita ad accrescere il proprio giro d’affari del ben 43% e aumentare il numero degli occupati del 10%, posizionandosi tra le aziende top player nel settore dei letti imbottiti. 

 

Qualità made in Italy e produzione fast a kilometro zero: queste le chiavi del successo.

 

Tra le tante proposte (oltre 40 le collezioni offerte), il letto Larry disegnato da Mattia Priori: un progetto caratterizzato da una versatilità progettuale per inserirsi perfettamente sia in spazi moderni dal mood metropolitano sia in ambienti più eleganti.

 

Previous Next
Now Reading:
Sanlorenzo: il mare a Milano
Archivio: People

Sanlorenzo: il mare a Milano

Data Pubblicazione: 12 April 2017

Contaminare, agire trasversalmente tra le varie culture del fare made in Italy, è la chiave di volta del cantiere Sanlorenzo, ai vertici della classifica mondiale della produzione di yacht oltre i 24 metri.

Sanlorenzo ha coinvolto per primo nei progetti d’interior dei suoi yacht sartoriali, alcuni dei più autorevoli designer italiani (Dordoni Architetti, Antonio Citterio Patricia Viel e Piero Lissoni), oltre a tessere un rapporto organico con le aziende di arredamento più rappresentative della qualità e del gusto contemporaneo.

In occasione del FuoriSalone 2017, l’azienda ha così portato a Milano negli spazi de La Triennale, punto di riferimento in città nell’ambito dell’architettura e del design, l’installazione Sanlorenzo: Il Mare a Milano.

L’evento è stato pensato per immergere i visitatori nel mondo dello Yacht Design, alterando il paesaggio cittadino: lo spazio antistante la Triennale di Milano è stato trasformato, attraverso una grande proiezione a terra, in diversi mari che si alternavano a evocare un’ipotetica traversata nei luoghi più remoti del pianeta mentre ai piedi della scalinata della Triennale un “molo” permetteva al visitatore di assistere alla proiezione “au bord de la mer”.

Previous Next